Agenzia delle Entrate – CIRCOLARE N. 14/E DEL 17/06/2019

Indice:
< Indietro

Fatture immediate e differite
La Circolare in oggetto specifica che dal 01/07/2019 le fatture dovranno essere trasmesse allo SDI entro 10 giorni (12 come previsto dal ‘’decreto crescita’’) dalla data di effettuazione dell’operazione.
Il ‘’momento di effettuazione’’ per i beni è la consegna o spedizione della merce, mentre per le prestazioni è il pagamento.
Eccezione rimane per gli incassi di acconti: la fattura dovrà essere emessa entro 10 giorni dal pagamento.
L’Agenzia Entrate con il documento di prassi ha evidenziato che, nel caso di fatturazione differita, la fattura dovrà assumere la data dell’ultimo ddt emesso nel mese; rimane fissato al 15 del mese successivo il termine di trasmissione, oltre all’obbligo di includere l’iva dell’operazione nel mese di effettuazione della stessa.
È evidente come questa indicazione porti con sé una serie di problemi tecnico/gestionali al momento non superabili.
In attesa di ulteriori chiarimenti, facendo riferimento a quanto suggerito da Assosoftware, IPS Informatica al momento non provvederà ad adeguare il procedimento di fatturazione differita che continuerà a generare le fatture, secondo consolidata prassi amministrativa, con un’unica data scelta dal cliente (generalmente a fine mese).

È stato quindi eliminato l’obbligo precedentemente previsto di indicare nei documenti la data di emissione, oltre alla data dell’operazione. La data di emissione è attribuita dal sistema di interscambio al momento della trasmissione.
Al contrario, per le fatture cartacee (esempio fatture emesse da contribuenti forfetari), il documento dovrà riportare la data dell’operazione e la data di emissione.

Calcolo imposta di bollo
Il calcolo dell’imposta di bollo deve essere effettuato in base alla data di trasmissione allo SDI effettuata nel trimestre.

Sanzioni
Sino al 30 giugno 2019 la disapplicazione/riduzione delle sanzioni è applicabile nei confronti di tutti i contribuenti, indipendentemente dalle modalità di liquidazione dell’IVA (su base mensile o trimestrale);

– l’estensione della riduzione sanzionatoria al 30 settembre 2019 per i soggetti che liquidano l’imposta su base mensile si intende riferita alle operazioni effettuate entro tale giorno.
– la data indicata (16 novembre 2019) corrisponde al termine ultimo entro cui i soggetti che effettuano la liquidazione dell’imposta su base trimestrale potranno godere della riduzione della sanzione in riferimento alle fatture del secondo trimestre 2019.

Per ulteriori approfondimenti, Vi suggeriamo di contattare il Vostro consulente fiscale.